Durante la nostra visita presso la sede dell’associazione ‘296 Model Venaria’ ha fatto gli onori di casa il presidente Gennaro Ciotola, il quale ci ha raccontato e resi partecipi di alcune sue riflessioni: La nostra Associazione nasce, nel mese di maggio del 1995, come C.M.V. (Club Modellistico Venariese), voluta da un gruppo di dieci modellisti (Soci fondatori) per mostrare ad altri le proprie creazioni; nel settembre del 1995 abbiamo organizzato il primo corso di modellismo dedicato ai ragazzi delle scuole medie,nello stesso  anno veniva inaugurata la nostra prima mostra dedicata al modellismo. Nel febbraio del 1996 venne depositato il nostro Statuto e regolarizzammo la nostra posizione comeAssociazione Modellistica Venariese” , successivamente decidemmo di cambiare il nome per indicare la tipologia delle attività svolte, quindi fu deciso il nuovo nome 296 Model Venaria , 296 (il mese febbraio – 2 e 96 per l’anno 1996 quando fu depositato lo statuto), Model (modellismo) e Venaria la città dove l’Associazione è nata.  Nel settembre 1996 la neo nata Associazione 296 Model Venaria, organizzava la sua prima mostra di modellismo presso il Parco Regionale La Mandria, Borgo Castello, giunta oggi alla XXII edizione. Oggi  possiamo vantare  più di  settanta iscritti, il socio più giovane si chiama Emanuele e ha  sette anni, mentre il più grande ottantasei, siamo tra le prime Associazioni di modellismo a livello regionale  per il numero di soci tesserati. Siamo presenti in questa sede dall’anno 2000 che il Comune ci dà in convenzione per le nostre collaborazioni  che abbiamo dato e  effettuiamo tutt’ora  sul territorio. Le spese sono tante, in quanto ci paghiamo la corrente elettrica, il riscaldamento nel periodo invernale e dobbiamo sostenere le spese per il mantenimento di miglioramento della sede; i soldi sono pochi e dobbiamo gestirli al meglio. A volte ci autofinanziamo per avere dei soldi in fondo cassa per comprare dei beni primari per l’Associazione. Ci tengo a precisare che ,quando andiamo a fare delle mostre, collaborazioni o gare  di modellismo  fuori della nostra sede, le spese di trasferta e soggiorno sono a carico  del volontario partecipante. Non voglio fare polemica, ma ci sono tante cose da rivedere sugli stati generali delle Associazioni che non vorrei siano nati solo per riempiere gli spazi pubblicitari di qualcuno. Voglio ricordare chele Associazioni  collaborano tra di loro già dal 2000; nel caso del complesso di via Aldo Picco, poi, le avevamo chiamate Associazioni gemellate. Per allargare la rete delle gemellate abbiamo già preso accordi con altre Associazioni per condividere e collaborare insieme alle manifestazioni e mostre per abbattere i costi. Ci tengo a puntualizzare che quando siamo presenti agli eventi siamo a contato con tantissime Associazioni e veniamo a conoscenza che le loro amministrazioni comunali quando concedono il patrocinio le danno anche un aiuto economico per coprire le spese sostenute“.