Il laboratorio di scrittura creativa della maestra Stefania Groppo

Si chiama “Strampaleggiamo” l’ultima raccolta di storie fantastiche scritte dagli alunni della scuola elementare A. Gramsci di Venaria Reale insieme alla loro insegnante Stefania Groppo, pubblicata da Carta e Penna.

Sono storie buffe che nascono dalla quotidianità di tutti noi. Così prendono vita le locomotive, i gessetti, le lavagne e persino il cielo e il mare che bisticciano per chi ha il colore blu più bello – racconta maestra Stefania – Ci divertiamo molto creando mirabolanti avventure e incredibili personaggi che poi illustriamo”.

Il progetto di scrittura creativa e illustrazione, ideato e curato da Stefania Groppo, ha raccolto il primo successo nel 2009 collaborando con l’Associazione Culturale Carta e Penna.

“Ho conosciuto Carta e Penna in occasione della quarta edizione del Concorso Letterario Città di San Gillio nel 2008. Con i miei ragazzi della classe IV C della Gramsci abbiamo partecipato con il racconto Una marachella dalla lungaaaa… coda, primo classificato ex aequo – ricorda l’insegnante che entusiasta ha continuato – Abbiamo partecipato anche negli anni successivi, sia nelle edizioni di San Gillio che nelle seguenti a Pianezza”.

La prima pubblicazione editoriale è stata “Azzurra”, edito da Carta e Penna. Poi, la fantasia dei piccoli scrittori in erba delle classi terze, quarte e quinte delle scuole Gramsci e Rigola ha dato vita all’ebook “Bestia che storie”. Sette racconti, tutti ambientati nel mondo animale.

La scrittura per imparare a sognare

Tutte le nostre storie hanno una morale. – spiega Stefania Groppo – I ragazzi sono contenti di questo progetto e mi seguono con grande interesse. In questa attività viene fuori tutta la loro spontaneità, la loro creatività. Esprimono le loro emozioni ed insieme impariamo a dar vita alle idee, a strutturale e ad interpretare la realtà con la nostra immaginazione”.

Le storie nascono giorno per giorno, nello spazio che la maestra e i suoi alunni vi dedicano durante le lezioni d’italiano. C’è una prima fase in cui tutti insieme raccolgono le idee, poi divisi in piccoli gruppi cominciano a lavorare alla creazione dei personaggi, alla loro descrizione e alle ambientazioni. Insieme costruiscono la storia e la illustrano. Infatti, maestra Stefania che è appassionata d’arte, insegna anche ai suoi studenti come rappresentarla graficamente.

Li invito a soffermarsi sui dettagli, ad osservare ciò che ci circonda, i colori nelle loro diverse sfumature e la luce” spiega l’insegnante, che conclude confidandoci il suo sogno “Mi piacerebbe che questo progetto raggiungesse altri bambini e ragazzi, per dar loro la possibilità di esprimersi creando storie”.