Eletto, dal ricostituito consiglio direttivo della sezione ANC di Venaria Reale, il nuovo presidente Lgt cs Diego Mannarelli.
In data 5 marzo 2022, il ricostituito consiglio direttivo della Sezione ANC di Venaria intitolata al “Vice Brigadiere Benito Atzei” ha eletto, all’unanimità, il suo nuovo presidente Lgt cs Diego Mannarelli, che ha nominato l’App.Sc Cosimo Sanfratello a svolgere le funzioni di segretario della Sezione.
Nella stessa seduta è stato anche eletto il nuovo vice presidente Lgt. Mario Gianvito, con otto voti favorevoli .
Il consiglio direttivo è composto da Mario Gianvito, Ignazio Vargiu , Vincenzo Donatelli, Giuseppe Amato, Tiziano Boschetto, Celestino Cirillo, Daniele Angelè e Antonio Puzella.
Il neo presidente Diego Mannarelli, subito dopo la sua nomina, ha ringraziato tutti i componenti del consiglio direttivo per la fiducia accordatogli, dichiarando: “Sono onorato di essere stato eletto da tutto il consiglio direttivo come nuovo Presidente, metterò a disposizione della Sezione e della comunità venariese le mie capacità professionali, l’impegno e lo spirito di sacrificio acquisite nei quarantacinque anni di servizio svolti nell’Arma dei Carabinieri. La Sezione ANC di Venaria Reale, ha precisato Mannarelli: – “È costituita da molti militari che hanno prestato servizio nell’Arma dei Carabinieri, dalle “Benemerite”, da tantissimi soci simpatizzanti e da moltissime persone che condividono i valori, lo spirito e la finalità dell’Associazione Nazionale Carabinieri, promuovendo l’attività di volontariato per finalità assistenziali, sociali e culturali del territorio venariese, valori che hanno da sempre contraddistinto, nei confronti dell’intera comunità, l’ANC e l’Arma dei Carabinieri”.
Al neo-eletto Presidente sono giunti attestati di stima da parte di tantissimi soci della Sezione, da diverse autorità militari, civili, religiose e da moltissime Sezioni ANC del territorio piemontese.
Il neo eletto Presidente:
Sottufficiale di lungo corso, ha prestato servizio in diversi reparti d’élite ricevendo dall’Arma dei Carabinieri moltissimi encomi e onorificenze per operazioni investigative svolte. Il Lgt cs Diego Mannarelli ha comandato nel periodo delle brigate rosse alcune aliquote del Nucleo Radiomobile di Torino, la stazione e la Compagnia Carabinieri di Venaria Reale , la tenenza di Ciriè, a prestato anche servizio Nucleo Operativo ora Investigativo del Comando Provinciale di Torino ed infine ha svolto servizio in teatri operativi per la NATO (Missioni e operazioni di pace delle Nazioni Unite).
(In sintesi)- La Sezione ANC di Venaria Reale da marzo 2021 ad oggi:
A marzo 2021 , in una seduta del Consiglio di Sezione dell’ ANC venariese, si dimettono gran parte dei consiglieri, sfiduciando il Presidente e facendo decadere il consiglio Direttivo.
Il 17 giugno 2021, Mannarelli viene nominato dall’ANC di Roma commissario straordinario della Sezione ANC di Venaria, con l’incarico gestionale della stessa.
A marzo 2022 veniva notificato, come disposto dall’Ispettorato dell’ ANC, la sospensione di 6 mesi dalla Sezione ANC di Venaria Reale all’ ex presidente Brig. Giuseppe Scavo e subito dopo la notifica di sospensione la politica locale va in fibrillazione , il consigliere di minoranza Alessandro Brescia (Uniti per Cambiare) chiede al sindaco Fabio Giulivi di vietare alla sezione ANC di Venaria l’uso dei locali comunali (Sede (in concessione) della Sezione – Associazione Nazionale Carabinieri – via Aldo Picco,24 a Venaria Reale) , almeno fino a quando non ci sarà un chiarimento”, mentre la consigliera Barbara Virga, del gruppo misto di minoranza dichiara: “ L’augurio è che si ripristina la correttezza”.
Anche il consigliere Pino Capogna commenta: “Questa storia non mi piace. Le associazioni devono essere salvaguardate e devono essere trattate tutte con pari dignità, altrimenti il percorso, lo scopo e lo spirito associativo viene meno”.
Il presidente Lgt Cs Diego Mannarelli, conclude: “fra qualche giorno farò una conferenza stampa per chiarire alcuni punti che hanno visto la Sezione ANC di Venaria al centro di polemiche, che tutt’oggi non sembrano ancora volersi esaurire”.