Compie dieci anni l’Onlus venariese, nata in memoria di Luca Cafagna, giovane concittadino scomparso prematuramente nel 2008.

Fin dalla sua nascita, l’obiettivo dell’Associazione è stata la raccolta di fondi destinati alla diffusione ed al sostegno dell’istruzione di ragazzi che vivono in paesi in via di sviluppo.  “Nessuno di noi si sarebbe aspettato di spegnere le prime dieci candeline con dei risultati così sorprendenti – dichiara Nicola Cafagna – presidente dell’Associazione. Noi siamo totalmente indipendenti da ogni schieramento politico o religioso, viviamo grazie alle donazioni di volontari, dei nostri partners e degli eventi che riusciamo ad organizzare nel corso dell’anno, primo fra tutti il Torneo di Basket e Volley “Luca Cafagna” e che raggiungerà quest’anno la decima edizione e che si terrà il 31 maggio, l’1, il 2 e il 3 giugno”.

Non a caso il Torneo sportivo di volley e basket: Luca era un ragazzo brillante, divertente, frequentava il liceo scientifico Juvarra della nostra città e militava proprio tra le file del Basket Venaria, oggi uno dei partner ufficiali dell’Associazione insieme alle aziende Smat, McDonald’s, Acqua Pian della Mussa ed il ristorante pizzeria Quadr’Ovale. Proprio questo Torneo, insieme alle donazioni dirette, al 5 per mille e ad altri eventi organizzati dalla Onlus, ha permesso la creazione di nuove strutture nella scuola superiore nella città di Butezi, in Burundi, uno tra gli stati africani più poveri.

La kermesse sportiva è diventata ormai un “must” a Venaria. La sua organizzazione richiede molti sforzi ed un grande impegno e non dimentichiamo che i membri all’Associazione “Arrivederci Luca” sono tutti volontari. “L’allestimento del Torneo è davvero complicata. Ogni anno richiede un duro lavoro da nostra. Tutte le persone coinvolte nella riuscita dell’evento sono volontari che per mesi dedicano parte del loro tempo affinché l’evento sia un successo e nelle giornate della manifestazione sono presenti a tempo pieno” ci racconta Nicola Cafagna.

Otto squadre di pallavolo e sei di basket, tutte under 16 femminile di Torino e provincia, si sfidano come ogni anno nelle varie palestre della nostra città. “Quest’anno le finali di domenica 3 giugno si terranno al Palazzetto dello Sport di Venaria, nel comprensorio della piscina comunale e – continua il Presidente – posso solo anticipare che ci sarà una grande sorpresa con graditi ospiti. Speriamo di fare il tutto esaurito e raccogliere ulteriori fondi per portare avanti il nostro progetto di volontariato per l’istituto superiore di Butezi.

“Dopo la scomparsa di Luca – ci racconta Nicola Cafagna che, con la moglie Roberta, la figlia Laura e uno stretto gruppo di amici, ha dato vita alla Onlus – molta gente non sapeva dove destinare le donazioni in sua memoria. La scelta è avvenuta quasi per caso. L’incontro con don Henry Bakishimara, salesiano ed originario del Burundi, ci ha aperto gli occhi sulle condizioni di vita e di studio di molti ragazzi che vivono in Burundi, in particolare a Butezi”.

In questi dieci anni “Arrivederci Luca Onlus” e l’istituto di Butezi hanno camminato insieme, tenendosi per mano, con fatiche e sacrifici, ma anche con tanta gioia e risultati sorprendenti. All’inizio del progetto, la scuola esisteva già, o meglio, vi erano quattro aule completamente vuote, senza elettricità e con cinquecento ragazzi desiderosi di studiare. Oggi la struttura è totalmente diversa: le aule sono otto, dotate di banchi, sedie, lavagne, materiale didattico e libri di testo, i bagni sono stati completamente ristrutturati. Esiste anche una sala polivalente con dieci computer (altri PC di ultima generazione sono pronti per essere spediti) e una televisione, un campo da basket e uno da pallavolo. Nel 2017 è stata completata anche una recinzione attorno a tutto il comprensorio a protezione della struttura e con grande orgoglio la scuola ha cambiato nome: oggi si chiama “Lycée Communal Luca Cafagna”!

“Arrivare a Butezi – racconta il presidente Cafagna – e vedere gli studenti varcare la soglia della scuola che porta il nome di Luca è stato un orgoglio enorme per me e per tutti i volontari dell’Associazione. Ci ha ripagato di tante fatiche e, soprattutto, ci stimola a non fermarci, ad andare avanti giorno per giorno. Abbiamo tanti progetti, uno su tutti la biblioteca della scuola, ma sappiamo che dovremmo lottare ancora di più. Si tratta di un lavoro del tutto nuovo, dobbiamo partire dalle fondamenta, ma non ci arrendiamo e come “brave formichine” cerchiamo di raccogliere il più possibile per dare un altro sogno a questi ragazzi. L’istruzione è un diritto che non deve essere mai negato, in nessuna parte del mondo. La cultura è ciò che arricchisce il mondo e forma i giovani che un domani saranno il nostro futuro”.

Ricordiamo, inoltre, che tutti i fondi raccolti vengono spediti personalmente dall’Associazione ad un conto corrente aperto nella città di Ruyigi, in prossimità di Butezi e l’utilizzo è controllato minuziosamente dall’Italia con l’aiuto di un referente locale di fiducia. “Non ci sono intermediari nell’invio del denaro né tantomeno nella scelta di chi svolge i lavori di ristrutturazione. Siamo nati indipendenti e vogliamo continuare ad esserlo. Sono stato personalmente più volte a Butezi a supervisionare il lavoro svolto, proprio perché vogliamo dimostrare che i fondi ricevuti arrivano a destinazione”, conclude Nicola Cafagna.

Non ci resta, dunque, che invitare tutti i concittadini al Torneo di Basket e Volley “Luca Cafagna” del prossimo giugno. Noi della Gazzetta di Venaria saremo sicuramente in prima fila, per dare voce a chi sceglie di donare. Con un semplice gesto, a volte si possono ottenere risultati meravigliosi. Grazie “Arrivederci Luca Onlus”!

Per chi fosse interessato, ad aiutare concretamente l’Associazione, questi sono i modi:

  • Donazioni dirette a mezzo bonifico bancario in favore di Associazione “Arrivederci Luca Onlus” presso Cariparma Ag. Vinovo. Iban: IT12R0623031190000040372938
  • 5 per 1000 indicando il codice dell’Associazione: 97722530017

Il sito dell’Associazione è www.arrivedercilucaonlus.org