Le finali regionali del campionato Under 13femminile si sono svolte a Corneliano D’Alba, palazzetto piccolo ma accogliente ed efficiente, immerso nelle colline del Roero.

E le ragazze della Progetti Medical Venaria,hanno raggiunto questo ambitissimo risultato conquistando, partita dopo partita, un posto di primo piano nel panorama cestistico femminile piemontese. Non hanno potuto contare sul contributo di due giocatrici importantissime, costrette ai box causa infortunio, ma ci sono stati tre innesti dalla nuovasquadra dell società che hanno formato un team competitivo e ben assortito.

Quattro squadre, due giornate intense ed emozionanti, la possibilità di raggiungere un sogno coronando con una vittoria un’annata piena di soddisfazioni e di tantissimi sacrifici. Sono anni che almeno una squadra del settore giovanile venariese partecipa ad una rassegna del genere e, anche questa volta, il Progetti Medical Venaria ha partecipato ai massimi livelli.

Il primo impegno, la seconda semifinale della giornata, ha visto competere le ragazze della Progetti Medical con le “vicine di casa” dell’Eridania,altra bella e viva realtà torinese. Si doveva dimostrare, già dalla palla a due iniziale, di essere più forti e più competitive delle rivali e, seppur con una piccola ma del tutto comprensibile emozione iniziale, le giocatrici di Venaria sono riuscite a difendere in modo convincente ehanno trovato con una certa disinvoltura la via del canestro. Prima del riposo lungo, il match è già ben indirizzato (32-14).

Dopo la pausa, l’Eridaniasi è riicordata evidentemente di essere tra le prime quattro del Piemonte e ha ceercato di rimontare per acceder alla finale. Purtroppo per loro, dall’altra parte del campo, si sono imbattute nella grande voglia di vincere e, rispetto alle avversarie, nella panchina più lunga delle venariesi che ha consentito una regolare rotazione tra le giocatrici per dare ad ognuna il giusto e meritato riposo: il Progetti Medical Venaria va in finale.

Tabellino della semifinale:

PROGETTI MEDICAL VENARIA – ERIDANIA 54-35

14-5 19-9 15-8 7-13

Sara B. 2, Giorgia Ce. 7, Irene, camilla 5, Samantha 12, Emma 2, Giulia T., Carlotta 10, Sofia 3, Greta 2, Giorgia Ca. 11, Giulia,

 

La Granda College di Cuneo, vincitrice della prima semifinale del mattino, è la squadra con cui il Progetti Medical Venaria si è giocata la finalissima.

Il titolo se lo sonocontese le due squadre più forti e attrezzate di tutto il campionato. Ne sono la prova gli incontri precedenti nei quali le ragazze si sono misurate in Coppa Piemontee nel Join the Game.

Una finale tra due squadre competitive e ben attrezzate, le quali hanno avuto un percorso simile e vincente durante tutta l’annata sportiva. Infatti nella stagione regolare ambedue non hanno mai persoe si sono incontrate da imbattute.

Di scontato non c’è nulla. Ci vuole passione, spirito di sacrificio, amore per il gioco, programmazione e lungimiranza, impegno e molta pazienza. Nulla viene per caso e le due società lo sanno molto bene.

Cuneo  è partito fortissimo, ha difeso con il coltello tra i denti e ogni palla recuperata è stata gestita impeccabilmente in attacco. La loro forza è, appunto, la difesa; una disposizione in campo attenta e precisa, caratteristiche indispensabili utili per recuperare più palloni possibili: una tale abnegazione è difficile ottenerla con gruppi di giocatori più grandi.

Leragazze di Venaria sono rimaste a guardare per quasi tutto il primo quarto, riuscendo a rialzare la testa soltanto negli ultimi minuti.

Fortunatamente, seppur con fatica, hanno ripreso a macinare gioco e prendere fiducia. Così come nella semifinale, le rotazioni dalla panchina sono state necessarie e soddisfacenti, cosa che non si può dire delle avversarie, abituate a giocare molto spesso con le solite giocatrici.

Dopo il riposo lungo, la musica però non cambia. Cuneo ha continuato a giocare come meglio sa e Progetti Medical Venaria ha risposto con grande orgoglio ma con troppi errori, soprattutto sotto canestro.

Le finali vanno giocate fino alla fine e, complice una fisiologica rotazione delle avversarie, le venariesi ci hanno creduto e provato fino alla sirena finale a ridurre lo svantaggio. L’ultimo quarto è stato da incorniciare; le biancoblu hanno giocato bene e si sono sbloccate soprattutto a livello mentale. Un po’ troppo tardi per poter impensierire le forti avversarie: è stato un peccato! Cuneo ha vinto il titolo regionale.

Un gruppo affiatato, talentuoso, numeroso…. il lavoro svolto dai 3 coachè stato straordinario. Come sempre!!!

Mettere insieme personalità così diverse, giocatrici provenienti da varie realtà cittadine, con abitudini e caratteristiche proprie, non è mai facile. La loro capacità di formare gruppi competitivi in così poco tempo è una qualità molto rara e che, purtroppo, non tutti posseggono.

Le ragazze, molto talentuosee ben preparate, hanno il proprio futuro nelle loro mani. Senza fretta, senza anticipare i tempi, seguendo il giusto percorso di crescita, siamo sicuri che raggiungeranno traguardi importanti.

Tabellino della finale:

CUNEO – PROGETTI MEDICAL VENARIA 58-42

16-6 19-12 15-7 8-17

Camilla 9, Carlotta 9, Irene, Greta 4, Sara B., Giorgia Ce. 2, Giulia, Emma 3, Sofia 2, Samantha 16, Giorgia Ca., Sara Z.