In occasione della Giornata della vita, nelle giornate del 2 e 3 febbraio, i volontari del CAV (Centro Aiuto alla Vita) di Venaria sono scesi in piazza con i banchetti delle primule, simbolo della vita nascente, per raccogliere fondi per le tante attività a favore di mamme e bambini in difficoltà.

L’Associazione è impegnata da tempo con l’attivazione di iniziative concrete finalizzate all’accoglimento della vita sin dal suo concepimento e la promozione di ogni forma di solidarietà per mamme e bebè.

Attraverso i suoi volontari il CAV offre sostegno alle donne che per varie ragioni si trovano in difficoltà nel portare avanti una gravidanza. Forniscono generi alimentari per l’infanzia, prodotti per l’igiene del bambino e abbigliamento per bambini da 0 a 2 anni. E’ presente un punto di ascolto per il confronto ed il sostegno psicologico oltre all’assistenza medica e legale.

La maternità è un’esperienza bellissima e totalizzante ma per molte donne spesso diventa fonte di dubbi. Al Centro aiuto alla Vita di Venaria (Via Juvarra 87) è possibile ottenere un aiuto concreto per affrontare le fasi più delicate che vanno dalla gravidanza ai primi anni di vita del bambino. Il successo dell’iniziativa di questo week end, con le lunghe file ai banchetti presenti fuori delle parrocchie di Venaria e Savonera, dimostra la bontà di un progetto che ogni anno cresce sempre di più. La Presidente della sezione venariese Susanna Di Nino racconta alla Gazzetta <<Siamo molto soddisfatti per il risultato ottenuto dopo questa due giorni nelle piazze. Nonostante il maltempo ed il freddo pungente abbiamo ottenuto un successo maggiore rispetto agli scorsi anni. Vanno ringraziati tutti i volontari che hanno permesso l’iniziativa e tutti coloro che si sono avvicinati ai nostri banchetti per dare un’offerta e prendere informazioni sul nostro Centro>>. Una sezione che conta oltre 20 volontari e che continuerà, con la sua presenza sul territorio, ad aiutare decine di mamme e bebè venariesi.